© 2019 by Galleria d'arte Roberto di JULLO. Proudly created by Calogero Ciaccio

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Nero Twitter Icon
  • Black Icon Pinterest
  • Black Icon Flickr
info@dijullo.it
+39 339 191 9027
P.I 01336940661

GALLERIA D'ARTE

Roberto di JULLO

PESCOCOSTANZO  

ROMA

NEW YORK

SIENA

 

artworks.

Disegni

Incisioni

 

eventi.

Premio Internazionale D’Angiò 2016 a Roberto di Jullo

Definito il pittore dei cavalli, Roberto di Jullo, nativo di Forli del Sannio- Isernia con studio in Roma e in Pescocostanzo, ha ottenuto un riconoscimento di spiccato valore internazionale nella sezione Arte nella Creatività, Pittura e Scultura del Premio D’Angiò 2016, alla sua undicesima edizione. Il Premio dal carattere storico, culturale, artistico, sociale ispirato all’evento medievale della Battaglia di Tagliacozzo presso Scurcola Marsicana in provincia dell’Aquila (Inferno-Canto XXVIII) è dedicato a personaggi, istituzioni, associazioni meritevoli di riconoscimenti nazionali e internazionali in vari campi della società nei quali hanno operato e contribuito “alla crescita, allo sviluppo e all’immagine del nostro paese”. Di Jullo ha ritirato il Premio insieme con Sergio Zavoli, Andrea Pancani, Rodolfo Baldini, Vanessa Gravina, Teodoro Valente, Martufello, Alessandro Vocalelli, Andrea Morricone, Fabrizio Frizzi, Gianluca Menta, Amedeo Goria, Franco Marini, Francesco Palazzo, Antonio Cabrini. L’artista, dallo stile interpretativo e tecnico di personale e di specifica marca estetica e pittorica, interpreta ed esprime il tema dei cavalli quale simbolo e metafora della forza, della bellezza, della gioia vitale, della libertà, dell’eleganza gestuale e formale. I cavalli di Roberto di Jullo sono ritratti sempre e solo senza ferri e finimenti in gesti liberi, armonici, spesso al galoppo con folta criniera e coda affidati al vento. Tra le sue opere più significative, va menzionata la Pala della Crusca realizzata nel 2001 su incarico del professor Francesco Sabatini in occasione della Presidenza di Sabatini dell’Accademia nota e ammirata nel mondo. La cifra stilistica e poetica di Roberto di Jullo si completa e si caratterizza con i temi della natura e dei colori personali che virano sui toni dell’azzurro, del giallo/ grano maturo, del verde inteso e degradante, dei grigi/ marroni della terra, l’ispirazione prende l’incipit dai luoghi dell’infanzia molisana e dai paesaggi abruzzesi/ pescolani che sono i protagonisti per eccellenza delle sue tele dall’ ampia realizzazione e dall’ elevato valore-segno artistico ed espressivo.

.

.

chi è.

 

ROBERTO di JULLO è nato a Forlì del Sannio nel 1945;

Ha soggiornato dal 1947 al 1963 a S.PIETRO AVELLANA (IS) Professore di disegno, pittore, incisore e scenografo.

Ha frequentato l'ISTITUTO STATALE D'ARTE di Isernia.

Corsi di scenografia all'ACCADEMIA di BELLE ARTI di Napoli e Roma.

Dal '64 al '66 a Roma ha realizzato composizioni scenografiche per il teatro d'Avanguardia. 
Stabilitosi definitivamente a Roma nel '66, ha ampliato i suoi interessi artistici e culturali partecipando a numerose manifestazioni tra le quali il Festival di Spoleto del '67 dove ha realizzato scenografie per quattro commedie, di G.C.Celli e G. Falzoni.

Dall'anno successivo, e per oltre dieci anni, è stato collaboratore della RAI - TV come disegnatore ai servizi del Telegiornale.

Alla sua attività di pittore ha affiancato interessi e ricerca nel settore della grafica pubblicitaria diventando art-director di due società romane.

E' in questo periodo (1967) che matura in Roberto di JULLO la decisione di dedicarsi completamente alla ricerca grafico-pittorica. 
Da qui le esposizione delle sue opere in diverse mostre personali e rassegne d'arte contemporanea in Italia e all'Estero. 
Tra le ultime esposizioni figurano: TUNISI, ALGERI, ATENE, RABAT, presso i rispettivi Istituti Italiani di Cultura, e SALONICCO, all'Istituto Francese. A, KOMOTINI, successivamente.

Attività didattica che lo aveva già visto presente presso la Scuola di Palazzo Rivaldi di Roma in collaborazione con i più noti maestri dell'arte contemporanea.

Il Maestro oltre al tema equestre è impegnato nella ricerca della 'figura femminile'portandola alla sua stilizzazione fino a racchiuderla in un concetto embrionale.

Il concretarsi di tali approfondimenti stilistici si evidenziano nella realizzazione di dipinti a olio su tela e fondo oro, smalti, disegni a inchiostro, pastelli, incisioni all'acquaforte, punte secche, acquetinte, ceremolli, tempere e acquerelli.

Roberto di JULLO vive e opera a Pescocostanzo (Aq) nello studio di Via della Fontana, 7 nello storico 'Palazzetto Mosca' ove nel lontano 1555 i dotti della Famiglia Mosca tennero un ginnasio, una scuola di grammatica, aritmetica, storia, filosofia e teologia.

Il Maestro di JULLO ha un'altro studio d'arte a Roma,in via del Boschetto 141,  con marmi pregiati all'interno, nell'antico e prestigioso Rione Monti.

contatti.

 

mob: +39 339 191 9027

email: info@dijullo.it

Via Della Fontana, 7

67033 Pescocostanzo 

STUDIO 
PESCOCOSTANZO
STUDIO 
ROMA

Via del Boschetto, 142

00185 Roma